Quali stampi è meglio usare per i dolci?

Pubblicato da

Alluminio, antiaderente, ceramica o silicone? I materiali e le forme delle teglie e degli stampi hanno molta importanza sulla buona riuscita dei vostri dolci. Vediamo insieme come scegliere lo stampo giusto.

Stampi in alluminio

Permettono una cottura uniforme ma devono essere unti con olio (o ricoperti di carta da forno) prima di versarvi l’impasto, altrimenti il dolce si attaccherà allo stampo una volta tolto.

Ci sono quelli usa e getta, meno resistenti e quelli facilmente lavabili e riutilizzabili.

Adatti per torte compatte, crostate, plumcake

Si lavano  a mano, asciugando molto bene.

Stampi in silicone

Si tratta di stampi di “nuova generazione” diventati di uso comune negli ultimi anni e al centro di polemiche riguardo la possibilità che rilascino sostanze tossiche in cottura.

I pro: sono molto pratici e facilmente lavabili anche in lavastoviglie, occorre ungerli e infarinarli prima di entrare in forno solo la prima volta che li usate. L'impasto non si attacca allo stampo, che è molto morbido e si piega facilmente su se stesso, consentendo di sformare la torta in modo pratico e veloce. Il silicone sopporta un range di temperature molto ampio e può quindi passare senza problemi dal freezer al forno.
I contro: a lungo andare, possono assorbire gli odori delle varie preparazioni, non è un materiale reciclabile e non sempre rilascia il calore in modo uniforme in cottura.

Perfetti per: torte morbide non facili da estrarre, budini, dolci al cucchiaio

Lavaggio: meglio lavastoviglie

Temperatura massima sopportata: – 40° fino a 250°

Stampi in ceramica 

Si tratta di teglie un po' più costose, pesanti da maneggiare ma molto belle da vedere, solo un po' più delicati da maneggiare.

Anche questi stampi devono essere ben unti e infarinati (o ricoperti con carta da forno) prima di versarvi l’impasto.

Perfetti per: torte e plumcake che volete portare in tavola direttamente in teglia, crostate.

Lavaggio: lavastoviglie, a mano

Temperatura massima sopportata: 200°/250 °

Stampi antiaderenti

Molto diffusi, sono spesso le classiche tortiere ” a cerniera” o per ciambelle.

Facili da lavare e maneggiare, non assorbono gli odori e sono utilizzabili anche ad alte temperature. Sono sempre da ungere ed infarinare prima di versarvi l’impasto e devono comunque essere trattati con cura, dal momento che il materiale antiaderente che li ricopre è facilmente intaccabile. E' consigliabile dopo la cottura non conservare in queste teglie il dolce.

Lavaggio: a mano, asciugando molto bene, rischio ruggine

Perfetti per: tutte le tipologie di dolce, dalle torte ad impasto morbido a quelle più compatte, crostate, muffin e plumcake

Temperatura massima sopportata: max 250°.

 

Scopri tutte le farine

 

 Fai il tuo primo acquisto e scarica il tuo buono sconto di benvenuto qui

buono sconto -1

 

RSS

Articoli recenti

Lo zucchero in cucina
SCARICA IL CATALOGO